.
Annunci online

tuppismierzu - il sito delle poesie in dialetto salentino
figghiu miu
post pubblicato in Diario, il 26 aprile 2010

Figghiu miu ieni aqquai ca lu sire tou na cosa t'a cuntare.

Me ricordu quannu era piccinnu ieu, ca la vita era china de sorprese e de spensieratezza. Quannu passava lu tiempu cu sciocu a pallone e sulu de quiddhu me mportava.

Quannu sinti nu vagnone nu sai ce bete ca tieni intornu, sinti nu pocu egoista e nu nte nteressa de nisciunu.

Te sienti liberu comu nu fringuellu e zumpi aqquai e addhai comu nu cardillu.

Perciò me raccomando figghiu miu, nu criscere mai, ca nu te nde ene nienti de megghiu.

Piensi ca quannu si rande tuttu se ndrizza e ca riesci cu soddisfi li sogni toi, ma nu sai ca la vita è tosta e tocca combatti contru tuttu e contru tutti.

Quannu capisci ce te sta cappa ete troppu tardi, e perciò piccinnu miu,

ieu te scriu ste parole cu te preparu a quiddhu ca ene.

Peccè a sapire quiddhu ca te tocca. Quistu ete n'avvertimentu cussi ca poi pigghiare le precauzioni e forse,

la vita toa pote essere megghiu de quiddha mia.




permalink | inviato da tuppismierzu il 26/4/2010 alle 18:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Sfoglia marzo        giugno
il mio profilo
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca