Blog: http://tuppismierzu.ilcannocchiale.it

certi giurni..

Certi giurni ulia propriu cu mandu tuttu a dhù paise:

la fatia, li pensieri, li colleghi, la fammigghia e tutti quiddhi ca me stannu intornu.

Essu de casa  e ncignanu li uai:

Aqquai a Roma suntu tutti  scattati, annu tutti de pressa ca essenu tutti alla stessa ura la matina c'annu scire alla fatia e comu sempre fannu ritardu.

Iti le fimmene ca se truccanu intra le machine, li automobilisti  rraggiati ca sonanu comu li pacci, e li autisti te li bus ca nu se nde curanu se la gente sale o a scindere e bannu de pressa puru iddhi.

Se ria all'ufficiu già stanchi muerti ca pare ca à fattu la guerra.

Lu lavoru te dae pensieri, le persone nu te capiscenu e tocca te litichi ogne giurnu pe na cosa diversa e tieni puru li soliti problemi toi ca pe nienti se nde curanu.

Pare ca tuttu stae cu scoppia e te ene voglia de gridare ma poi cunti fino a 10. E te tocca sopportare.

Tuttu quistu e puru autru ca li uai pare ca nu spiccianu mai.

Ma menu male ca ncete na sula cosa ca te dae la forza cu bai annanti

Ete l'amore pe l'amore tou.

Ca te mbrazza forte forte quandu torni a casa ccisu

T'accarizza sutta le cuperte e te dae nu baciu ca te face riare in paraisu.

Menu male ca ncete iddha ca sennò comu facia?

Nu ia utu propriu chiù sensu l'intera vita mia!

 

Pubblicato il 16/4/2010 alle 19.52 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web