Blog: http://tuppismierzu.ilcannocchiale.it

figghiu miu

Figghiu miu ieni aqquai ca lu sire tou na cosa t'a cuntare.

Me ricordu quannu era piccinnu ieu, ca la vita era china de sorprese e de spensieratezza. Quannu passava lu tiempu cu sciocu a pallone e sulu de quiddhu me mportava.

Quannu sinti nu vagnone nu sai ce bete ca tieni intornu, sinti nu pocu egoista e nu nte nteressa de nisciunu.

Te sienti liberu comu nu fringuellu e zumpi aqquai e addhai comu nu cardillu.

Perciò me raccomando figghiu miu, nu criscere mai, ca nu te nde ene nienti de megghiu.

Piensi ca quannu si rande tuttu se ndrizza e ca riesci cu soddisfi li sogni toi, ma nu sai ca la vita è tosta e tocca combatti contru tuttu e contru tutti.

Quannu capisci ce te sta cappa ete troppu tardi, e perciò piccinnu miu,

ieu te scriu ste parole cu te preparu a quiddhu ca ene.

Peccè a sapire quiddhu ca te tocca. Quistu ete n'avvertimentu cussi ca poi pigghiare le precauzioni e forse,

la vita toa pote essere megghiu de quiddha mia.

Pubblicato il 26/4/2010 alle 18.10 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web